Adoro l’Inverno ed in particolar modo il mese di Dicembre; Non tanto per Natale, perché penso che lo spirito natalizio man mano si stia estinguendo, ci si concentra sui grandi e bei regali e non più sul dono simbolico. Possiamo dire che purtroppo sta diventando una festività commerciale. Mia mamma mi dice sempre quando si parla di regali di Natale : << Anche uno stuzzicadenti con un fiocco può essere un regalo >> . Questo per ricordarci che basta il pensiero. D’altro canto addobbare l’albero e spargere per tutta casa decori natalizi, mi trasmette sempre una sensazione di tranquillità e di festa.

Ne vogliamo parlare delle sere gelide con la saga di Harry Potter in tv – una gioia – un bel fuoco al camino e calduccio in casa (?) Questi due dei motivi per cui adoro l’Inverno, ma anche perché non sudo e posso cucinare biscotti con la scusa che sono per Natale; In realtà non arriveranno neanche alla Vigilia.

PHOTO By MarinsBlog

E’ proprio quello che ho fatto oggi : biscotti all’arancia. Piove a Roma e sono arrivate le prime temperature sotto i 10*C , quali altri pretesti servono per infornare? Oggi preparando l’impasto pensavo a questo Natale 2020 e come starà: ci potranno essere massimo di 6 persone a tavola? Babbo Natale dovrà scendere dal camino con copriscarpe , guanti e mascherina?

Scrivo questo articolo immersa in un profumo di arancia che non so neanche spiegarvi a parole; Mi ricorda molto l’atmosfera natalizia di quando ero piccola, di quando per regalo ricevevamo una sacchetto di stoffa pieno di dolci al cioccolato, arance e calzini morbidissimi. In realtà era davvero un bel regalo, non era un gioco che prima o poi sarebbe rimasto in un angolino o chissà in quale scatolone, era un momento e i momenti rimangono per sempre; Prezioso e nella sua semplicità, magico.

PHOTO By MarinsBlog

L’ altro giorno su una rivista lessi un articolo in cui, un bimbo di 7 anni , chiedeva a Babbo Natale di portare un vaccino supermegaforte – così aveva scritto – per suo nonno. In una frazione di secondo il mio cuore si sciolse, come ho sciolto a bagnomaria il burro per i biscotti; Credo che se potessi chiedere un grande regalo, chiederei lo stesso: un ritorno alla normalità, a vedere grandi sorrisi ma anche smorfie, a non aver paura di far ammalare i propri cari perché si sta troppo vicini, a tornare a viaggiare e tornare a vivere con una diversa consapevolezza ma in ampia libertà.

Infine Dicembre per me è come un fine capitolo, metaforicamente parlando; Già prevedo tutti i meme sulla fine di questo anno bello pieno, difficile e disastroso. Ma – come di mio consueto – cerco di trovare un aspetto positivo in tutto: ecco in questo caso non mi riesce. Speriamo in un anno migliore!

A presto! M.

Speriamo che questo articolo vi sia piaciuto e che non vi abbia annoiati.

Per rimanere aggiornati su nuovi post : Follow on Instagram!

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *