Ahimè, non sono stata una grande amante della storia, nonostante questo l’ho dovuta studiare e comprendere. Una cosa però mi affascinava in particolar modo nei libri di storia: lefotografie.

Credo che la fotografia possa agevolare lo studio della storia, come ogni altra materia; La nostra mente, o perlomeno la mia, con una memoria fotografica (manco a farlo apposta) riesce a captare e memorizzare un concetto attraverso appunto una immagine.

Tutti ricorderanno che nell’Agosto del 1945, il Giappone si arrese agli Stati Uniti ponendo così fine alla Seconda Guerra Mondiale. Mmmh la ricordi no?

Ah no..(?) Aspetta, forse con la seguente fotografia ti viene qualcosa in mente!

Alfred Eisenstaedt, il bacio in Times Square

Esatto! È il giorno in cui il Presidente Truman annuncia la resa del Giappone e, in un’euforia mondiale, due perfetti sconosciuti si danno un bacio.

 Per decenni si è dibattuta l’identità dei due protagonisti sino a quando, nel 2012, per lo storico Lawrence Verria, i due presunti soggetti sarebbero George Mendonsa , un marinaio e Greta Zimmer Friedman, un’ infermiera la quale Lawrence riconosce per la pettinatura e anche per l’uniforme, in perfetta armonia con le altre foto del tempo.

Ora che ho reso l’idea di cosa volevo dire con captare un concetto attraverso una immagine, te ne mostro altre nelle quali la fotografia c’era e difatti c’è sempre stata.

E’ il 1950 e ci troviamo in North Carolina, dove vige la strana ed incomprensibile apartheid . Questa fotografia ha immortalato un essere umano che viene discriminato per il colore della sua palle. L’apartheid (in italiano, letteralmente separazione) era la politica di segregazione razziale istituita nel 1948 dal governo di etnia bianca del Sudafrica. Ad oggi questa politica non è più considerata a livello istituzionale ma purtroppo alcuni ideali sono ancora seguiti…

Questa è la fotografia che avrai visto nelle stories su Instagram; Non ci segui ancora? Cosa aspetti! Clicca qui!

È il 10 giugno del 1963 e nella città di Saigon (Vietnam del Sud), una macchina avanza lungo la strada, seguita da monaci e monache buddhisti che marciano insieme tra slogan e cartelli in vietnamita ed in inglese, e richiamano all’uguaglianza religiosa. Un monaco recitando il mantra, attende che un confratello gli versi sul capo e sul corpo una tanica di benzina. Il fuoco divampa ed il fiore di loto umano si brucia.

Richard Drew , The Falling Man

Credo che l‘avvenimento di questa immagine non debba esser spiegato ma bensì ricordato, questa è una delle ”funzioni’‘ che ha la fotografia: rivedere per rivivere e ricordare. Furono circa 200 le persone che l’11 Settembre 2001, si lanciarono nel vuoto dalle Torri Gemelle nel disperato tentativo di sfuggire alle fiamme e al crollo, ed il fotografo Richard Drew ne catturò l’attimo.

 Concludo riportandoti qui una fotografia, a sinistra, dei primi esempi dell’utilizzo della Pet Teraphy tra i bambini con la poliomielite. A destra invece puoi vedere una rara fotografia di Einstein al mare. Per tirare fuori la genialità e quelle formule ci si doveva anche rilassare.

La fotografia è stata fondamentale per la storia, possiamo dire che è stata la sua best friend. Ci sono moltissime immagini che raffigurano eventi storici e famosi, e proprio perché sono stati immortalati , oggi possiamo rivederli e ricordarli.

Speriamo che questo articolo ti sia piaciuto e che non ti abbia annoiato.

Per rimanere aggiornati su nuovi post : Follow on Instagram!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *